Le fate

di Charles Dickens (traduzione di Carlo Collodi)
Le fate è tratta dall’album Strenna di ascolti per il Natale
Rilasciato da liberliber.it


download-computer-512Scarica il testo completo

C’era una volta una vedova, che aveva due figlie: la prima tanto le somigliava nel viso e nel carattere, che veder lei e la mamma era tutt’una cosa. Erano tutt’e due così intrattabili e superbe che non era possibile viverci insieme.
La seconda invece, che per dolcezza e civiltà era tutto il babbo, era anche la più bella ragazza che si potesse vedere. E poichè naturalmente si vuol bene a chi ci somiglia, la mamma farneticava per la prima e non potea soffrire la seconda, facendola mangiare in cucina e lavorare a tutto spiano.
Fra le altre cose le toccava alla povera ragazza andar due o tre volte al giorno ad attingere l’acqua due miglia lontano di casa, e riportarne piena una brocca. Un giorno…

rating4

 

Pin on PinterestShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Email this to someonePrint this page
by clo

Leave a Reply