La pagliuzza, il carbone…

08/09/2009

La pagliuzza, il carbone…

La pagliuzza, il carbone ed il fagiolo

In un villaggio abitava una povera vecchia che aveva raccolto un piatto di fagioli e voleva cuocerli. Preparò dunque il fuoco nel camino e perché ardesse in fretta l’accese con una manciata di paglia. Mentre versava i fagioli nella pentola, gliene sfuggi inavvertitamente uno che cadde a terra accanto a una pagliuzza; e subito un pezzo di carbone ardente salto anch’esso dal focolare accanto a loro.
Allora la pagliuzza disse: Cari amici, donde venite?
Rispose il carbone: Per buona sorte sono fuggito dal fuoco, e se non ci fossi riuscito a viva forza, era morte sicura: sarei stato incenerito.
Disse il fagiolo: Anch’io l’ho scampata, ma se la vecchia mi avesse messo in pentola, sarei stato ridotto in pappa senza pietà, come i miei compagni.”
“E a me forse sarebbe toccato miglior destino? Disse la pagliuzza. Tutte le mie sorelle distrusse la vecchia nel fuoco e nel fumo; sessanta in una volta ne ha ghermite e uccise. Per fortuna le scivolai tra le dita.
Ma ora che faremo? disse il carbone. Poiché per nostra ventura siamo siamo fuggiti alla morte, penso che dobbiamo aiutarci da buoni compagni e, perché non ci colga una nuova disgrazia, emigrare insieme in paese straniero.
La proposta piacque agli altri due e s’incamminarono. Ma ben presto giunsero a un piccolo ruscello e, siccome non cera ponte ne passerella, non sapevano come attraversarlo. La pagliuzza ebbe una buon’idea e disse: Mi stenderò di traverso: cosi potrete passare come su un ponte. E si stese da una riva all’altra. Il carbone, focoso di natura, sgambettò arditamente sul ponte di nuova costruzione; ma quando fu a mezza strada e senti l’acqua rumoreggiare di sotto, ebbe paura: si fermo e non osava più andare avanti. Ma la pagliuzza prese fuoco, si ruppe in due pezzi e cadde nel ruscello; il carbone le scivolo dietro, sibilò a contatto con l’acqua e spirò. Al fagiolo, rimasto prudentemente a riva, venne da ridere di quell’avventura, e rise cosi forte, senza potersi frenare, che alla fine scoppiò. Anch’esso, dunque, era bello e spacciato, se un sarto, in giro per il mondo, non si fosse per buona sorte riposato accanto al ruscello. Siccome era di buon cuore, tiro fuori ago e filo e lo ricuci. Il fagiolo lo ringrazio caldamente; ma poiché il sarto aveva usato filo nero, da quel giorno tutti i fagioli hanno una cucitura nera.

Vuoi ascoltare le altre fiabe?
Segui questo link


Parte così una nuova avventura a bordo della Nave di Clo. Questa che avete visto è la prima di una serie di fiabe raccontate in video. A partire da oggi troverete su questa pagina una nuova fiaba ogni martedì.
Ma l’avventura non finisce qui.
Perchè adesso non provi tu a raccontare una fiaba?
Scegli una fiaba che ti piace, oppure inventane una.
Poi chiedi aiuto ad un genitore (oppure parlane con il tuo insegnante) per farti riprendere con una videocamera, con una webcam o con un telefonino mentre la racconti.
A questo punto carica il video sul tuo account di youtube o magari chiedi al tuo insegnante di aprirne uno della scuola.
Infine torna qui per lasciare un commento con l’indirizzo della pagina dove si trova il tuo video.
In questo modo potremo inserire anche il tuo video sulla nave di Clo ed arricchirla sempre di nuove storie.

You May Also Like

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi